• 1 Dal pregiato frutto della nostra terra
  • 2 Molito con macine in pietra
  • 3 Otteniamo un olio di assoluta qualità

Conservare sott'Olio

 

È uno dei metodi più diffusi, a livello sia industriale che casalingo, per conservare gli alimenti. Le conserve sott'olio più comuni sono quelle di verdura e di pesce. L'alimento, una volta cotto o scottato, viene posto in adeguati recipienti e immerso nell'olio, che deve ricoprirlo perfettamente per creare un ambiente privo di ossigeno. Tale processo impedisce la proliferazione dei batteri. Il prodotto finito viene sottoposto a sterilizzazione oppure a pastorizzazione per garantirne una conservabilità maggiore. Per avere una buona conservazione bisogna usare contenitori giusti. I contenitori più usati sono quelli di vetro e le bottiglie con tappo a corona. Il vetro è molto usato per conservare la polpa, mentre le bottiglie con tappo a corona si usano per la conservazione di prodotti liquidi e semi liquidi. Lo scopo principale è quello di mantenere nel tempo le proprietà alimentari del prodotto. Oggi le donne sposate o che comunque devono provvedere ai pasti quotidiani e che nello stesso tempo svolgono un lavoro all'esterno delle pareti domestiche sono in numero sempre crescente. E dato che la casa e tutte le mille attività e problemi connessi devono essere risolti ancora da loro, nasce spontanea e impellente la necessita di ingegnarsi, di organizzarsi. Non dimentichiamo che con la conservazione si ha un altro vantaggio, di natura strettamente economica. La spesa quotidiana, la mattinata trascorsa tra un negozio e l'altro per preparare il menù del giorno diventa sempre più rara. Con la conservazione si vive una cucina diversa, dove le provviste - base non mancano mai, dove si può improvvisare un pranzo, dove le sorprese (non sempre ben accette), di ospiti inattesi, non mandano in crisi la padrona di casa.

ACQUISTA e CONSERVA in OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA P.O.B.